Home page

Associazione sportiva dilettantistica senza fini di lucro    

Cerca con Google
Home | Chi Siamo | Novità - Iniziative | Immersioni | Calendario delle Immersioni | Isola Gallinara | Corsi | Apnea | Snorkeling | Discovery | Biologia | Notizie FIAS | I Nostri Relitti | I Nostri Video | Amici Illustri | Mercatino | Foto Gallery | Andora e Dintorni | Trovaci | Il Meteo | Scrivici

I NOSTRI AMICI ILLUSTRI


MONICA PREVIATI

Coordinatrice dei Subacquei Volontari Mar Tirreno Nord per Reef Check Italia http://www.reefcheckitalia.it/ associazione scientifica non lucrativa dedicata alla protezione e al recupero delle scogliere del Mediterraneo e di tutte le aree coralline. Fondata nel 2008, Reef Check Italia nasce da una partnership fra la Fondazione Reef Check, programma di monitoraggio delle scogliere coralline ufficialmente riconosciuto dalle Nazioni Unite, e il progetto MAC (Monitoraggio Ambiente Costiero Mediterraneo).

Si laurea in Scienze Biologiche nel 2001 presso l’Università degli Studi di Firenze e nel 2009 ottiene il titolo di dottore di Ricerca in Biologia ed Ecologia Marina presso L'Università Politecnica delle Marche con una tesi sulla biologia ed ecologia delle principali gorgonie del Mediterraneo. Attualmente collabora con il Centro di Educazione Ambientale di Imperia e si occupa di biologia ed ecologia degli Antozoi e divulgazione scientifica.

Una grande amica e un punto di riferimento per tutti noi, con la sua passione la sua preparazione e il suo impegno ci aiuta a conoscere, amare e rispettare il mare e tutte le forme di vita che lo popolano.

MATTIA MALARA


Vi presentiamo un’altra nosra “illustre” amica, Mattia Malara, per gli amici “Matty Matty”.
Nata a Ciriè (To) classe 1973…… Classe? Di classe la nostra cara Matty ne ha da vendere. Nel 1998 con l’associazione Mondapnea 2000, diretta con meticolosità e professionalità da Corrado Mondaluccio, Mattia frequenta il suo primo corso di apnea dimostrando di possedere ottima acquaticità e predisposizione per questo affascinante e “naturale” modo di dialogare con il mare. Noi la conosciamo nel 2002 quando, acquisito con pieno merito il brevetto di 3° livello Apnea Academy, intraprende la “carriera” di assistente istruttore e affiancando con competenza e dedizione gli stessi “insegnanti” che l’hanno seguita nella sua crescita di ottima apneista ed istruttrice (brevetto conseguito nel 2004), accompagna gli allievi della “Mondapnea 2000” nelle uscite in mare che si svolgono da noi ad Andora. Nel frattempo, più precisamente nel 2003, Matty intraprende la via dell’agonismo: con Chiara, Irene, Giulia, Monica e l’allenatore Davide, fonda la “Akka2o” e partecipa alla seconda edizione del Trofeo città di Andora (ottimo 4° posto nel costante femminile con 44m e 2°assoluto a squadre). A tal proposito Matty disse “E’ la mia prima esperienza di gare in apnea ed onestamente non pensavo fosse così entusiasmante” Da quel momento in poi di momenti entusiasmanti Matty ne ha provati e ci ha dato modo di provarne parecchi:

Nel 2004 si aggiudica il 3° posto (50m) al “Trofeo Apnea Academy” di Sharm in Egitto;

Il 22 Aprile diventa “ LA REGINA DEL GHIACCIO”: nel lago del Verney in Val d’Aosta fa suo il RECORD MONDIALE FEMMINILE DI APNEA LINEARE SOTTO IL GHIACCIO (65m);

26 Giugno 2005, ritorna in mare a Bogliasco (Ge) ed è RECORD ITALIANO FEMMINILE IN APNEA IN ASSETTO COSTANTE (- 63m) “ritoccato” a -64m il 3 settembre a Villefrance-sur-mer in occasione dei MONDIALI AIDA.

26 FEBBRAIO 2006…… ci risiamo: le gelide acque del lago Nero, poco sopra Cesana (To), la vedono riconfermarsi “INCONTRASTATA REGINA DEL GHIACCIO”….. NUOVO RECORD MONDIALE FEMMINILE DI APNEA LINEARE SOTTO IL GHIACCIO CON 70m.

In questa particolare occasione Matty, con la semplicità e la naturalezza che le sono proprie afferma: “Grande soddisfazione, pura adrenalina, la cosa più bella è stata avere il mio grande amore Sergio, numerosi spettatori, amici e parenti che all’uscita mi hanno accolto con calorosi applausi e striscioni a me inneggianti con il motto “Tutti Matty per Matty!!!!”. Un’altra bella esperienza che mi arricchisce e porterò sempre nel cuore”.
Carissima Mattia purtroppo quel giorno, con rammarico, non abbiamo avuto modo di poter essere presenti materialmente sul bordo della “buca” però, anche se solo virtualmente, abbiamo partecipato al tuo successo pensando….. Tutti Matty per Matty!!!
Complimenti ed un “profondo abbraccio” da tutti noi.

ILARIA MOLINARI
Sto rileggendo il curriculum sportivo della “mitica” Ilaria …… qualcuno può anche chiedersi Ilaria chi?….. Ragazzi nel mondo dell’Apnea (soprattutto agonistica) c’è una sola Ilaria….. Molinari!!!.
Nata a Latina nel 1978, da sempre sportivissima ed amante del mare. Noi la conosciamo e stringiamo una bella e duratura amicizia, in occasione delle selezioni ed allenamenti della squadra nazionale di apnea (svoltisi ad Andora) che partecipa al Campionato del mondo a squadre AIDA ad Ibiza nell’ ottobre 2001.
Poiché lo spazio a disposizione è poco ed il palmares di Ilaria è vastissimo, per rendere comunque giusto omaggio ad una grande campionessa ed amica, riportiamo i risultati più significativi:

Settembre 2001: Andora(sv) Selezione squadra Nazionale di Apnea della quale diventa titolare più che meritatamente.

Ottobre 2001: Ibiza (Spagna) Campionato del Mondo di apnea a squadre (terzo posto assoluto molto discusso perché ci stava benissimo un Primo, ma i giudici…..)

Settembre 2002: Andora(Sv) 1° trofeo internazionale di apnea “Città di Andora”
1° classificata con 50m in assetto costante e 4’e….. in statica.

Luglio 2003°: 2° convocazione Nazionale Femminile.

26 Luglio 2003: Siracusa Campionato Italiano FIPSAS, oro per l’assetto costante e si aggiudica il titolo di Campionessa Italiana con – 47m.

27/28 Settembre 2003: Andora(Sv) 2° Trofeo Internaz. “Città di Andora”, Assetto costante 1° classificata con –54m, Statica 3° classificata con 4’33’’
Combinata (costante + statica) 1° Assoluta.

Maggio 2004: Sharm el Sheik, 1° Freediving Trophy City Of Peace, 1° class. Con il team “okeanos”.

4 Settembre 2004: Siracusa Campionato Italiano FIPSAS, assetto costante –59,90m. Record Italiano che IL 17 Settembre 2005 “ritocca” portandolo a –65m.


RECORD PERSONALI
Assetto costante: prof. max – 69,5m.

Apnea statica: tempo max 5’52

Apnea dinamica: m. percosi max 130.

Jump blu: distanza percorsa max 107m.
La carriera sportiva di Ilaria, comunicativa, affabile e….. carinissima, portacolori del Circolo Sommozzatori Trieste, atleta Effesub e, ci teniamo a ribadirlo, ns. carissima amica, senza dubbio non si fermerà qui perché il suo grande amore per il blu infinito e la profondità, la spingono ad affrontare le “competizioni”, sia del quotidiano vivere, sia sportive, con la naturalezza, ed il bellissimo sorriso che da sempre la contraddistinguono.

MONICA BARBERO


Le amicizie nate sul mare sono quelle più vere e sincere, si stringono legami nati per caso ma destinati a durare per sempre.Durante la nostra esperienza nell’organizzare competizioni in mare, ci sono sempre rimasti nell’anima la competenza aquisita e l’amicizia profonda con alcuni grandi campioni, è il caso di Monica Barbero. Nata a Torino nel 1973, fin da bambina dimostra grande affinità ed amore per il sesto continente,tuffandosi con naturalezza fra le onde ed i “cavalloni” del mare di Pietra Ligure. Affinità, amore, passione che, diciannovenne, la spingono ad iscriversi ad un corso per sommozzatori che frequenta con assiduità e ottimi risultati sino a diventare, in pochi anni, Aiuto Istruttore Fipsas;… Monica non si ferma…. con la tenacia, la grinta e l’umiltà che la contraddistinguono da sempre, prende parte agli allenamenti della squadra agonistica di pesca in apnea della sua società (Agonismo Sub Torino) e nel 1999 diventa Istruttrice F.I.P.S.A.S. di apnea.
Noi dello Sport7 conosciamo Monica nel Settembre del 2001ad Andora, in occasione delle selezioni per le Nazionali Femminili e maschili di Apnea, (per le quali abbiamo avuto il piacere di fare da supporto in mare).Monica passa le selezioni e sotto la guida di Andrea Badiello(ct della naz. Femminile) conquista con le compagne di squadra il terzo posto al Campionato Mondiale AIDA di Ibiza.Campionato dominato dalle nostre azzurre,caratterizzatola un finale molto discusso che conferisce alle nostre portacolori l’amara consolazione di vincitrici morali.Da allora Monica non si è piu fermata, Seguita da un tecnico serio e preparato come Mimmo Blanda ha percorso “molta acqua “ e raggiunto notevoli risultati.
Nel 2002 è 2° assoluta al Campionato italiano di apnea Fipsas diventando vicecampionessa italiana,
Nel 2003 Campionessa italiana Assoluta di apnea dinamica con m. 147, 46.
Giugno 2003 isole Tremiti Record del Mondo di Jump Blu con m.92,97.
Nel 2004, in occasione dei Campionati italiani ottiene la migliore prestazione mondiale naturalmente record italiano con m. 167.42 in apnea dinamica
Sempre nel 2004, come titolare della Nazionale italiana di apnea, è 3° assoluta ai Campionati Mondiali di Rovigno( Croazia) dietro alle due fortissime russe Kazankova e Molchanova, ottenendo il primato italiano di specialità con m. 127,98.
Nel 2005 non si smentisce: Campionessa italiana assoluta di apnea, titolo conseguito in seguito alle ottime prestazioni ottenute sia in dinamica che nel Jump Blue.
Nel il 2006 Monica, che ormai ci ha abituati ad ottime performance, motivata sempre di più, spinta da grande spirito agonistico, serietà e tenacità, darà il meglio di se stessa…l’attendono appuntamenti importanti, un campionato mondiale alle porte e una conferma (se ancora ce ne fosse bisogno) di essere la migliore ….... Brava Monica, sei Grande!!!.

MANUELA ACCO
Settembre 2001, per noi di sport7 mese storico, indimenticabile e forse irripetibile. Abbiamo conosciuto nuovi amici, condiviso tuffi da sogno in compagnia di grandi campioni e imparato da ognuno di loro che l’apnea è bella perchè rende unici, speciali. Tra questi, una bionda sirena con capelli d’oro e gli occhi color turchino, un dono del mare, una regina dell’apnea mondiale, Manuela Acco, per gli amici “Manu”
Da bimba frequenta il suo primo corso di nuoto e….. nasce un inattaccabile e duraturo amore per l’elemento “acqua”. Assistente bagnanti, istruttrice di nuoto, istruttrice ARA , modella in gare di fotografia subacquea, gare subacquee di tiro al bersaglio ed in fine nel 2000…...l’apnea. Manu si iscrive ad un corso Apnea Academy e scopre un nuovo modo di andare in acqua, di dialogare con il mare e con se stessa, tutto ciò la affascina e diventa parte integrante della sua vita, lei stessa dice:”Era quello che cercavo! Muovermi sott’acqua come un pesce,sentire la gioia nel cuore e sentirmi soddisfatta dopo ogni tuffo, potermi fondere con il mare, nel silenzio del blu profondo, sola con me stessa, ascoltarmi ed ascoltare la voce del mare; che emozione!!”
La corte di re Umberto (Pelo) l’attende e, dopo le selezioni per i mondiali a squadre (tenutesi ad Andora nel Settembre 2001) partecipa al campionato mondiale AIDA di Ibiza. Il terzo posto non consola le nostre ragazze dalla delusione per una vittoria ormai certa, (inibita solo da un errore nella valutazione dei giudici), ma la splendida prestazione di Manuela la proietta di diritto nell’olimpo dell’apnea mondiale.
Da lì in avanti mille sono stati i successi, le gioie, le soddisfazioni ottenute dalla nostra Manu (il suo notevole palmares mi confonde e rischiando di fare solo un elenco di dati, preferisco sorvolare…. Scusami Manu!!).
Il tutto è frutto di lunghi allenamenti, dedizione, concentrazione, determinazione, ma soprattutto capacità di sdrammatizzare e divertirsi.
Manu ha saputo far suo e sfruttare al meglio un mitico consiglio di un carissimo amico comune, Davide Carrera, che alla vigilia di un importante competizione, poco prima di un tuffo nel blu vedendola un po’ tesa le disse: ”Manu te lo devi solo godere” e così fu….. un “mare di risultati” positivi, sia agonistici che di vita quotidiana; molti appuntamenti importanti affrontati con la giusta serenità, naturalezza e determinazione, tipiche doti dei campioni veri che possono essere anche un riferimento per coloro che vogliono iniziare a gareggiare. A tal proposito Manuela dice che gareggiare è una cosa bellissima, ci si diverte tantissimo, che l’apnea è una disciplina aggregante e socializzante. E’ una scuola di vita perché l’apnea è un mondo fatto di calma, di riflessione, è un mondo magico ed introspettivo che può ben compensare i ritmi stressanti della vita moderna.
Da poco più di un anno Manuela non gareggia più, ma siamo certi che la rivedremo per qualche tuffo spensierato, qui da noi è come a casa, l’aspettiamo sempre, sappiamo certamente che l’apnea resta sempre parte fondamentale del suo essere e ci piace ricordarlo con una sua frase:”L’apnea non ha età, finché c’è la salute e si respira bene c’è anche l’apnea! Mi sono sempre immersa per divertirmi e lo farò fino a quando riuscirò a giocare con l’acqua, l’aria e i miei pensieri.

ALESSANDRO RIGNANI LOLLI


Un simpatico ed estroverso giovanotto romano del 1973, alto 1,80m per 72kg con una capacità vitale di 8,5l. Nel mondo del profondismo anche questo è un nome da pronunciare con rispetto.
Alessandro è stato considerato il simbolo di una nuova generazione di apneisti, che ha raccolto il testimone di grandi campioni di un recentissimo passato che hanno fatto e stanno facendo la storia di quest’affascinante disciplina sportiva.
Alessandro, come molti altri nostri “amici illustri”, scopre il mare fin da bambino: sotto il vigile controllo del papà, che gli ha trasmesso la passione di sguazzare fra le onde, fa le sue prime capovolte per “scendere” più profondo in cerca della conchiglia più bella. L’apnea è per lui un gran divertimento estivo e nulla più.
Nel 1999 la svolta, il grande salto: seguendo un corso tenuto da Stefano Makula Alessandro scopre la sua particolare predisposizione all’apnea profonda e nel 2000….. è già record: -61m in acqua dolce nel lago di Castel Gandolfo.
Nello stesso anno, in occasione delle selezioni per la Coppa del Mondo, svoltesi ad Andora “Ale” conosce noi ed il mitico Pelo.
Da questo momento Umberto ed il suo staff diventano la sua seconda famiglia ed Ale impara, affina la tecnica e nel 2001 partecipa come riserva (una maledetta bronchite lo ha messo ko precludendogli la possibilità d’essere titolare) ai mondiali di Ibiza che l’Italia stravince.
Poco dopo Alessandro conosce un altro Alessandro….. Conforto, ex campione olimpionico di pentathlon ed ottimo preparatore; nasce un’interessante e proficua collaborazione coronata dal Primato mondiale in assetto costante ottenuto a Maratea nel Settembre 2002 con –88m.
All’inizio del 2003 riprendono gli allenamenti in vista di “nuove emozioni e performance”
Il tutto coronato anche da una laurea in economia e commercio.
Questa Laurea ci può far intuire che Alessandro, pur amando tantissimo l’apnea, il blu profondo, il mare con la M maiuscola, ha con quest’ultimo un rapporto più “adrenalinico”,
forse più terreno ed un pò meno poetico e spirituale rispetto ad alcuni dei suoi predecessori: spera di riuscire a coinvolgere a “parlare di apnea” i grandi sponsor del mondo dello sport ed ha un sogno nel cassetto, creare un villaggio sportivo dedicato al mare ed ai suoi sport a 360°. Speriamo !!!!! dai Ale, a noi sembra una bella idea e siamo pronti a venirti a trovare.

TOPI LINTUKANGAS: UN RECORDMAN VENUTO DAL FREDDO
Topi: un cordiale e disponibile ragazzone finlandese dal fisico imponente con doti e caratteristiche da vero superatleta.
I suoi partners ci portano a conoscenza di un suo progetto in occasione della premiazione del primo trofeo città di Andora: Il tentativo di record mondiale di apnea in assetto costante non assistito; un evento sportivo “estremo”, specialità estremamente “pura” e poco conosciuta: l’atleta deve raggiungere la quota dichiarata, staccare il cartellino testimone e risalire in superficie senza toccare il cavo nuotando sempre a rana.
A noi di sport7, organizzatori del trofeo Città di Andora, con gli “amici” della Mondovì Sub, membri e fondatori dell’ U.S.T, l’ingrato compito (si fa per dire….) dell’organizzazione logistica e dell’assistenza in acqua durante gli allenamenti e nel giorno dell’evento.
Topi inizialmente non aveva molta dimestichezza con la profondità poiché nel mare di Finlandia (notoriamente poco profondo), non aveva avuto modo di superare i 30m. Con la grinta e la caparbietà del vero recordman, dopo aver acquisito, con lunghe e faticose sedute di allenamento tenutesi nel suo paese, una tecnica di nuoto a rana subacquea perfetta, che con una sola passata di braccia e gambe gli permette di percorrere più di 15m, eccolo tuffarsi nel profondo ed azzurro mare di Andora. In poco tempo la profondità è amica di Topi, coordinatissimo, cadenzato, attento, nella sua azione sono banditi movimenti inutili, sembra di vedere uno squalo: potente e maestoso.
Siamo al 2 Novembre 2002, Sabato mattina alle ore 8,00 giorno fatidico del record, iniziano i preparativi, alle 11,00 tutto è pronto: campo, cavo, boe, assistenti apneisti e sommozzatori, imbarcazioni di assistenza: manca solo Topi. Avvisato via radio arriva trasportato da un veloce motoscafo, indossa già la muta, dopo un primo rilassamento in barca prende posto sull’ “atollo” di partenza. Il momento è quasi da cardiopalma, regna un silenzio irreale rotto solo dalla voce di Rudy Castineira, uno dei due giudici F.R.E.E. (agenzia che ha omologato il record) che scandisce gli ultimi secondi prima del tuffo, le ultime ventilazioni e via. Topi scompare nel blu. Nonostante la sua velocità di nuoto sia notevole il tempo sembra scorrere lentissimo, tutti scrutiamo l’acqua immobili in attesa di un segnale: finalmente Rudy grida “arriva”!!! ed è una liberazione per tutti, ci sembra di rinascere. Topi è arrivato in superficie dopo 1’e 59”, come da regolamento ha consegnato al giudice il cartellino dei – 60m e poi è stata festa e gioia per tutti!!!!.

(Durante le foto di rito Topi ci ha raccontato la sua discesa, se vi interessa potete trovarla nella rubrica di “RECORD” sul nostro sito).


HOMAR LEUCI - L'UOMO RANA -

Homar Leuci :
Altezza: 1.73 peso: 74 kg capacità polmonare: 7 lt
Titolo di studio e professione: laureato in Economia e Commercio, agente nel settore medico-dentistico.
Massimali in competizione:
Apnea Statica: 5'49'' Pisa 2004
Apnea Dinamica:157m Pisa 2004, miglior prestazioni italiana in vasca da 25 metri
Assetto Costante: 67m allenamento
Assetto Costante senza pinne: 60 mt allenamento
4° al Campionato italiano 2004 di dinamica con 153 mt
Vincitore Trofeo ApneaAcademy 2004
MARETTIMO 22-10-06: PRIMATO ITALIANO D’IMMERSIONE IN APNEA IN ASSETTO COSTANTE SENZA ATTREZZI (AIDA).
Nato a Milano 09/06/1976, ha sempre fatto sport sopratutto calcio, solo nel 2002 intraprende la strada dell'apnea e nel 2004 si presenta alle competizioni rivelando le sue qualità agonistiche. Si avvale spesso della collaborazione dello Sport7 Diving Club, Circolo e punto mare FIAS di Andora, che lo ha accompagnato anche in questa avventura Siciliana
Nel suo allenamento nuoto, corsa, yoga e naturalmente apnea.

Questi sono “ dati tecnici “ che presentano in senso generale Homar, per noi più che un “amico illustre “ indubbiamente un’ ottimo atleta, un grande campione ma soprattutto un carissimo ragazzo con il quale abbiamo condiviso delle indimenticabili emozioni, che fin dalle prime sedute di allenamento, ci hanno permesso di crescere, di conoscerci meglio e di “dialogare” più intensamente con il mare. Emozioni che ci hanno aiutato a sostenere Homar ed a “cercare” con lui le soluzioni più idonee che gli hanno permesso di realizzare il sogno del “primato” : PRIMATO ITALIANO D’IMMERSIONE IN APNEA IN ASSETTO COSTANTE SENZA ATTREZZI, Homar praticamente è stato il primo apneista italiano ad arrivare a –51m senza l’ausilio di pinne o monopinna, nuotando solo ed esclusivamente a rana.
Questa particolare disciplina è una delle specialità più pure, lo stesso Homar dice: “Ciò che mi ha sempre affascinato dell’apnea è il senso di libertà che c’è in questo modo d’immergersi, un tuffo nel blu profondo solo….con il proprio respiro. L’idea di farlo senza attrezzature, nuotando a rana, esalta ancora di più questa sensazione. Essere da solo nel mare, senza nessun artifizio è quanto di più bello e naturale si possa provare…. La ns. mente, i ns. muscoli, il ns. corpo, sono un tutt’uno con esso.”

(Nella nostra rubrica "Record" ampio servizio dell’evento).

GASPARE BATTAGLIA
1996- Nizza-Francia. Campionato del Mondo a Squadre. 1° Classificati-Medaglia D’oro. Campioni del mondo. 1998-Santa Teresa di Gallura-Italia. Campionato del Mondo a Squadre. 1° Classificati-Medaglia D’oro. Campioni del Mondo. 1999-loc.Parè-Lecco- Italia. Assetto Costante In Acque Dolci-60metri. Record del Mondo. 2001-Ibiza- Spagna. Campionato del Mondo a Squadre. 1° Classificati-Medaglia D’oro. Campioni del mondo. 2002-Andora-Italia. Meeting internazionale di apnea a Squadre. Primi Assoluti. 2004. Rovigno (Croazia). Primato Mondiale Jump Blue 135m. Campione Italiano Apnea. Statica e Dinamica. 7’04 165,60m. I risultati parlano per lui….. Gaspare, un altro grande dell’apnea mondiale. Classe 1968, amico e compaesano del “Pelo” con il quale ha condiviso grandi successi; campione di tenacia con grande capacità di concentrazione, notevole spirito competitivo e…….. buon chitarrista e stornellatore, “elemento trainante” anche per una serata trascorsa in allegria fra amici.

DAVIDE CARRERA

Davide Carrera…… classe 1975, chierese (To) di nascita, ma andorese di adozione da quando il nonno “Marcolino” gli fece fare il primo bagno nel mare della cittadina ligure.
“Il Bimbo”, così “Pelo” usa chiamare Davide; “bimbo” perché Davide è veramente puro e sincero come solo i bambini sanno essere.
Un’eccezionale apneista e un forte pescatore in apnea che vive con il sesto continente un rapporto speciale fatto di amore e rispetto.
Davide e Umberto, due uomini che hanno in comune la profondità e una fraterna amicizia. Entrato nella squadra di assistenza di Pelizzari circa otto anni fà, sotto la guida del maestro ha collezionato una serie infinita di successi e vanta un palmares che lo proietta di diritto nell’Olimpo dei migliori apneisti del mondo.
Campione Mondiale di apnea a squadre 1996, vince con la maglia azzurra la World Cup AIDA di Ibiza nel 2001, nello stesso anno ottiene la migliore prestazione mondiale nella specialità “Discesa in apnea a corpo libero” con – 91m; nel 2003 si aggiudica il prestigioso Meeting Internazionale di apnea profonda di Andora e il Trofeo Apnea Academy, ma non solo, potremmo andare avanti per molto, il curriculum di Davide non si ferma qui; un campione con la C maiuscola, un campione di semplicità e generosità, un Amico che vive il mare come pochi sanno fare: un uomo di altri tempi, o come amiamo definirlo noi, il pellirossa del mare.
Basta lo scintillio dei suoi occhi e la poesia delle sue parole quando ci parla del mare per capire chi è Davide Carrera:“……..A me piace dialogare con il mare, un dialogo silenzioso e calmo, fatto di colori, gesti, carezze, parole dolci, ma anche di schiaffi e prediche severe, davanti alle quali non mi resta che chinare il capo e ammettere i miei errori senza scuse. Lui non mi umilia per farsi bello e grande agli occhi degli altri ma per farmi capire quanto ancora devo crescere, è come un padre, giusto.
Come padre, nei momenti di tristezza, mi rincuora, mi abbraccia con tutti i suoi colori, uno sciarrano, una donzella vengono a giocare con me e poi, guardando più sotto ….il blu profondo, l’infinito, la totale libertà…….”
Queste sono solo poche frasi, poche parole che assolutamente non sono sufficienti a descrivere bene cosa significhi fare un tuffo nel blu con Davide o trascorrere alcune ore in sua compagnia sul suo trimarano, ma che speriamo vi incuriosiscano, vi spingano a voler conoscere questo nostro Grande Amico, ma soprattutto …….vi facciano riflettere!!!

ADRIANO PENCO
Un altro Ns. Illustre Amico per il quale non è assolutamente necessario fare una introduzione, i suoi scritti, le sue pubblicazioni, le sue immagini sono la migliore testimonianza della sua indiscussa professionalità, del suo amore per il mare e la natura di cui sa cogliere e rappresentare con maestria anche le “sfumature” più lievi.

Si dice di lui :

Nato a Genova ha iniziato l’attività fotogiornalistica alla fine degli anni ottanta , dapprima con la fotografia subacquea , poi con quella terrestre ed in particolare naturalistica.
Instancabile viaggiatore ha effettuato numerosissimi reportages, pubblicando servizi su riviste di vari settori non solo nazionali.
Tra i riconoscimenti conferitigli i più prestigiosi sono rappresentati dal primo posto al Festival dell’Image Sous Marine e dal Premio Stampa , il quale assegna un riconoscimento ai venti migliori reporters dell’anno che hanno contribuito ad esportare la cultura , la storia , ed i diversi aspetti delle realtà straniere in tutto il mondo.
Altri importanti lavori sono stati esposti in gigantografie presso l’Acquario di Genova , quello di Milano ,al Festival di Montpellier;oltre ad una presentazione pubblicata dal prestigioso mensile giapponese Marine Diver specializzato nella ricerca delle migliori immagini in tutto il mondo.
Altre sue immagini sono state inserite nella pubblicazione a colori “100 Ans de Photographie Sous-Marine”,un libro editato dalla Alain Schrotter Editions che racchiude le più belle immagini sottomarine scattate tra i fondali marini in questi ultimi cento anni.
Tra la sua produzione editoriale vanno segnalati due libri illustrati che contribuiscono a valorizzare i fondali liguri , e più precisamente quelli dell'Area Marina Protetta di Portofino dal titolo "Le Armìe di Portofino" ed una descrizione di 101 immersioni comprese tra Ventimiglia e La Spezia dal titolo " Liguria in Blu". A questi vanno aggiunti altre due pubblicazioni che presentano una dettagliata panoramica dei relitti subacquei che l ‘ intera costa ligure ospita . Attualmente ricopre la carica di redattore e responsabile P.R. nella redazione di Aquageographia , una rivista periodica distribuita in tutto il mondo.
www.adrianopenco.com
e-mail: adriano@adrianopenco.com

UMBERTO PELIZZARI
Nasce a Busto Arsizio nel 1965, nel 1984 inizia a dedicarsi all’apnea agonistica e nello stesso anno stabilisce il primo record mondiale in apnea statica con il tempo di 5,33”……… Continuare con i soliti scritti ci sembra inutile, chi non conosce Umberto e le sue performance!!!!! Un grande Amico, ineguagliabile fuoriclasse, campione di simpatia e semplicità……. “Da 0 a 100m e poi ancora più giù, a precipizio negli abissi: le pulsazioni rallentano,il corpo svanisce,ogni sensazione galleggia dentro nuove forme. Resta soltanto l’anima.Un lungo tuffo nell’anima che sembra assorbire l’universo……… negli abissi cerco il mio io. E’ un’esperienza mistica,ai confini col divino. Sono immensamente solo con me stesso ma è come se mi portassi dentro l’essenza dell’umanità; è il mio essere umano che supera il limite, che si cerca fondendosi col mare, che s’immerge in se stesso e si ritrova.” (Dal libro profondamente). Carissimo Umberto grazie per la tua disponibilità e per tutto ciò che hai fatto e che fai per noi e per il nostro Amico mare.

FULVIA E PIER……

Fulvia e Pierluigi Bortoletto, due carissimi amici savonesi che si occupano di video e fotografia naturalistici esterni e subacquei e partecipano a concorsi nazionali e internazionali. Vivono in stretta simbiosi con il mare e con le loro opere ne riproducono e descrivono “magicamente” le bellezze, le tragedie, il lavoro, gli amori; in una sola parola ne descrivono “la vita”.

Alcuni concorsi Premiati: Festival Mondiale dell’immagine subacquea di Antibes 1997
Miglior adattamento musicale per il video” FLORIDA SUITE”.

Concorso Historical Diving Society Italia 2001:
Premio assoluto per il video “DREAMTIME”

Festival Mondiale dell’immagine subacquea di Antibes 2002:
Plongeur d’argent per il montaggio A/V “DREAMTIME”.

Festa dell’immagine subacquea di Strasburgo 2003:
1° premio per sez. Audiovisivi al video” DREAMTIME”.

Festival dell’immagine Subacquea di Antibes 2004:
Plongeur d’Argent con il diaporama “ L’UOMO CHE
CAMMINAVA IN FONDO AL MARE”.Premio per il miglior
Adattamento musicale con il video “NAUFRAGI E RELITTI”.

Festa dell’immagine subacquea di Strasburgo 2004:
1° premio al diaporama “ l’uomo che camminava in fondo al
mare”.

Xarifa festival Germania ottobre 2004:
2° class.”Gli uomini dal berrettino rosso”.

FESTIVAL DELL’IMMAGINE SUBACQUEA DI ANTIBES 2005
Plongeur d’ or con il diaporama “Artiglio…e il mondo
Applaudì”.

FESTIVAL DELL’IMMAGINE SUBACQUEA DI ANTIBES 2006 Fulvia e Pier fanno il BISS...... PLONGEUR D'OR con il diaporama " IL MARE IN FONDO AGLI OCCHI "

FESTIVAL DELL’IMMAGINE SUBACQUEA DI ANTIBES 2007 Fulvia e Pier fanno l'amplein: PLONGEUR D'OR con il diaporama " AOTEAROA " e " FLORIDA SUITE "

Fulvia e Pier dicono: Il mare è un’inestimabile riserva di ricchezza ed energia dal quale l’umanità può attingere ma con parsimonia e rispetto, cosa che non ha fatto sulla terra ferma.
In fondo al mare siamo soli con noi stessi, con il nostro io e quindi possiamo ritrovare la “nostra anima”; questo è uno dei motivi percui amiamo il mare e ci piace “raccontarlo” con semplicità, in modo che anche altri possano capire e condividere quello che rappresenta per noi.

ALBERTO BALBI
Alberto Balbi, ligure, grande appassionato di Mare fin da bambino, quando a due passi da casa ammirava gli splendidi animali marini del sottocosta.
E’ la voglia di trasmettere le fantastiche emozioni che si provano sott’acqua e la grande passione per la fotografia, che ha portato Alberto ad immergersi con la macchina fotografica per documentare quegli attimi indimenticabili che solo il Mare sa offrire.
Autore delicato e sensibile, ama documentare il paradiso blu in tutte le sue forme e con ogni tecnica fotografica, dalle foto ravvicinate, alle foto d’ambiente (che predilige) senza disdegnare la ricerca di tecniche nuove che importa dalla fotografia “terrestre” Ha partecipato con successo a numerosi concorsi internazionali imponendosi spesso con immagini di grande grazia ed effetto. Si avvale dell’insostituibile collaborazione della moglie Antonella, che oltre ad essere la sua modella subacquea, ha un ruolo di primaria importanza nella selezione e nella scelta delle immagini e delle musiche nelle proiezioni e nelle multivisioni.
Alberto e’ entrato a pieno titolo durante l’ultimo record di apnea nel team del pluricampione mondiale Umberto Pelizzari, documentandone con le sue foto la fantastica discesa a –131 metri, e’ anche fotografo ufficiale del giovane Davide Carrera il ligure che proprio a Capri ha stabilito il nuovo primato di apnea con tecnica libera di –91 metri.
Durante le ultime performance del campione Nicola Brischigiaro nelle gelide acque del Lago Verney, nella qualità di fotografo ha consolidato una collaborazione con l’atleta Valdostano che lo impegnerà anche in programmi futuri.
Vero amante del mediterraneo che considera il Mare più affascinante del mondo, proprio per la capacità di concedersi un poco alla volta a chi sa rispettarlo e amarlo, un Mare ricco, luminoso, immenso, con i suoi profumi e la sua storia, che ha bisogno del nostro aiuto per essere amato, protetto e rispettato.
Collabora in modo professionale con numerose riviste di settore italiane e straniere.
Considerato il più creativo fotografo degli apneisti annovera nei suoi scatti nomi come Pelizzari, Pipin, Audrey Mestre, Genoni, Brischigiaro, Malara, Kazancova, Battaglia, Barbero, Acco, Molinari e molti altri, affacciato da poco al mondo della pesca in apnea ha firmato con la il suo inconfondibile stile immagini innovative anche in questo campo.
Utilizza per la maggior parte attrezzature prodotte in Italia, come le custodie igloo dell’underwave di Salerno per la nikon e i flash della Isotta di Verona.
Attrezzature fotografiche nikon con corpo macchina f 90x obiettivi 60 e 105 per le foto ravvicinate e macro, 20mm AFD per le foto sportive, e il fantastico 16mm per le foto d’ambiente


Note dell’autore:
Mi piacerebbe pensare di poter dedicare le mie fotografie a tre persone molto importanti, il primo e’ mio padre, il secondo e’ il mio primo maestro di Mare, che, caparbio e rude come un vecchio lupo di Mare, mi ha insegnato ad essere marinaio ancor prima di subacqueo, il terzo è il grande Enzo Maiorca, che mi ha insegnato a scrivere Mare con la maiuscola!
Alberto

Balbi Alberto Via nuova di Peagna 66 17023 Ceriale (sv) 348.2201128
E-MAIL: balbialberto@libero.it


Sport7 Diving Club - c/o Porto Turistico di ANDORA (SV) - 17051 - Cell. 335 7501393
Utenti connessi: 3  |  http://www.sport7.it - © Sport7 1999-2017 | Sviluppo & Design: Livio SIRI